Siti
Annunci di Lavoro

Comprare e Vendere Casa

Come Cambiare Casa

La famiglia è cresciuta, ci si deve trasferire per ragioni di lavoro o si è in procinto di fare il salto da affittuari a proprietari. Qualunque sia la ragione, ci si sta per cimentare nell'impresa di cambiare casa, un percorso irto di problemi pratici da risolvere e decisioni importanti da assumere.

Il primo aspetto da analizzare concerne il tempo, dal momento che le operazioni immobiliari vanno gestite con precisione cronometrica. Se si vive in affitto è necessario ponderare i tempi previsti dal contratto per la disdetta e se è proprietari di una casa bisogna far coincidere i tempi della vendita del proprio immobile con quelli dell'acquisto del nuovo appartamento.

In questi casi ci si può rivolgere ad un'agenzia immobiliare conferendo un doppio mandato e vincolando l'accettazione della proposta relativa alla vendita della propria casa alla proposta da presentare a propria volta per l'acquisto, in modo da contrattare anche le provvigioni che spettano all'agente.

Questa decisione è all'apparenza scaltra, ma al contempo va considerato che raramente le stessa agenzia immobiliare può offrire la casa dei sogni e l'acquirente ideale al medesimo cliente (sarebbe un sogno!) ed allora sarebbe forse più saggio tenersi le mani libere, concedendo il mandato a vendere all'agenzia che ha nel proprio bouquet la casa alla quale si è' interessati.

Ci si può anche riservare tempi lunghi per scegliere senza fretta (sempre temibile nemica) la propria casa futura. In questi casi bisogna però mettere in conto come un immobile in vendita che sia libero nel lungo periodo, o ancor peggio in data non ben definita, è meno allettante per i potenziali acquirenti, eccetto che non siano anche loro in condizioni simili in quanto ad incertezza nei tempi di trasloco.

I vasti database di acquirenti e compratori che hanno raccolto le agenzie immobiliari sono molto utili nelle circostanze in cui la vendita sia vincolata all'acquisto, ma ciò non impedisce di percorre la strada della compravendita tra privati, giocando sui tempi e sulle clausole del compromesso e del rogito.

Un preliminare ravvicinato potrebbe preludere a un rogito lontano di mesi e magari corredato da una clausola che preveda, in caso di ritardo nella consegna della propria casa agli acquirenti, il pagamento di un canone d'affitto il cui importo va concordato fin dal compromesso.

 

 

Navigare Facile